CANZONE PER SUSY

Tutto comincio' con un amore di Susy per il suo bassista
un bassista duro di rock-and-roll, suonavano in provincia per passione, cosi'

Dimmi come faccio io ad amarti, lui le diceva, se suono valzer ogni sera,
se a casa ho un'altra donna che mi aspetta, ma intanto la teneva
stretta stretta,
e con la mano le asciugava dolcemente gli occhi...
Susy era nata a Roma ed era una novita'
la sua voce trascinava come il fiume, e a guardarla ti incantavi gia'
Oh, ma perche', Susy bella, quella sera
sei entrata dentro al camerino
adesso avresti i tuoi capelli lunghi,
lunghi lunghi fino al mandolino

Susy non aveva fatto i conti con l'altra, con l'altra e con la gelosia
cosi' che quando smise di cantare il destino l'aspettava dentro il camerino
e prima che lei capisse una forbice tagliava i suoi capelli
una donna all'altra donna nello specchio sfogava con odio il suo dolore

Susy senza la forza di reagire sentiva cadere giu'
le ciocche dei capelli sopra in piedi, e in quel momento nulla piu'
........................
Oh, ma perche', Susy bella, quella sera
sei entrata dentro al camerino
adesso avresti i tuoi capelli lunghi,
lunghi lunghi fino al mandolino

Indietro