LA BELLEZZA

Passa la bellezza, nei tuoi occhi neri
scende sui tuoi fianchi e sono sogni i tuoi pensieri

Venezia e' inverosimile piu' di ogni altra citta'
e' un canto di sirene, l'ultima opportunita',
ho la morte e la vita tra le mani coi miei trucchi da vecchio senza dignita',
se avessi vent'anni ti verrei a cercare
se ne avessi quaranta, ragazza, ti potrei comprare
a cinquanta come invece ne ho ti sto solo a guardare

Passa la bellezza, nei tuoi occhi neri
e stravolge il canto della vita mia di ieri,
tutta la bellezza, l'allegria del pianto,
che mi fa tremare quando tu mi passi accanto

Venezia in questa luce del Lido prima del tramonto
ha la forma del tuo corpo che mi ruba lo sfondo
la tua leggerezza danzante come al centro del tempo e dell'eternita',

ho paura della fine e non ho piu' voglia di un inizio
ho paura che gli altri pensino a questo amore come a un vizio
ho paura di non vederti piu', di averla persa
tutta la bellezza che mi fugge via
e mi lascia in cambio i segni di una malattia,
tutta la bellezza che non ho mai colto
tutta la bellezza, immagina, che c'era sul tuo volto
tutta la bellezza se ne va in un canto
questa tua bellezza, che e' la mia, muore dentro un canto

Indietro